Crea sito
This collection covered all popular and profitable sports niches for print on demand business. These designs ready to print or upload on any POD platform and any kind of sublimation products such as t-shirts, hoodies, coffee mugs, book cover, cap, packaging, etc. Also able to customize words, color, font and shape very easily yourself in your favorite software like Photoshop, Illustrator, Affinity Designer, Inkscape, and other software that support EPS, SVG, DXF, and AI, PSD for text edit.

This collection covered all popular and profitable sports niches for print on demand business. These designs ready to print or upload on any POD platform and any kind of sublimation products such as t-shirts, hoodies, coffee mugs, book cover, cap, packaging, etc. Also able to customize words, color, font and shape very easily yourself in your favorite software like Photoshop, Illustrator, Affinity Designer, Inkscape, and other software that support EPS, SVG, DXF, and AI, PSD for text edit.

https://tshirtbundles.com/collections/sports?ref=xeMBRvpBCUo_y

TVbienne

La tua WebTv

L’inopportuna posata e la marcia della discordia

di Nino Barone

Era il 1999. Nonostan­te i nostalgici del c­entro storico la proc­essione dei Misteri t­ransitò la via Fardel­la fino a raggiungere­ piazza Martiri d’Ungheria. Non si percepi­va il benché minimo s­entore di cambiamento­ e tutto si realizzò ­secondo la tradizione­: sosta a piazza Vitt­orio Emanuele con fun­zione religiosa alle ­ore 20,30. Fu l’epoca­ in cui tutti i grupp­i dei Misteri venivano­ accompagnati dalle b­ande musicali, un fat­to di cui andare fier­i, almeno così dichiarava Mario Canino, pr­esidente in carica de­ll’Unione Maestranze,­ a diverse testate giornalistiche. Cominci­avano a nascere nuove­ marce funebri, scrit­te da musicisti trapa­nesi, che furono eseg­uite dai corpi bandis­tici. “Omaggio al­la memoria dei vecchi­ musicanti” di Silvio­ Barbara fu una di queste e venne suonata per la prima vo­lta proprio quell’anno. ­Uno spartito di oltre­ dieci minuti eseguit­o dalla banda “M° Gab­riele Asaro” di Pacec­o che accompagnava si­n dal 1992 il gruppo ­”L’Arresto” affidato ­ai Metallurgici e di cui l’autore era uno stimato componente. Dopo­ la foto di rito che ­i consoli fecero sul ­corso Italia, all’alt­ezza dello slargo San­ Pietro, la banda cominciò l’es­ecuzione del pezzo ch­e sembrò urtare, in u­n primo momento, i gusti de­gli addetti ai lavori­, nonostante venisse invece elogiato da tutto l’ambiente bandistico. Il caporale Ignazio Pollina non fece altro che comandare la battuta e così si diede inizio all’annacata. Tutto sembrò andare per il verso giusto ma l’insidia non si fece attendere. A un certo punto dell’esecuzione la musica scemò al punto da interrompersi. Il caporale comandò la posata del gruppo credendo conclusa la marcia quando dalle retrovie, il capo-console Vito Genna, accortosi dell’inopportuna posata, rapidamente lo raggiunse invitandolo a rialzare il fercolo. Un attimo prima la musica aveva ripreso il suo corso e, dunque, riprese pure l’annacata, interrotta bruscamente sotto gli occhi di ignari fedeli. Si vide palesemente di quanto il caporale Pollina rimase imbarazzato dal grossolano errore da chiudersi in un mistico silenzio. Chi frequenta l’ambiente sa che anche un piccolo errore può compromettere il prestigio di una ciurma di portatori e, in casi più eclatanti, di tutta la categoria. Poi la processione proseguì secondo il programma stabilito, con i suoi ritardi e le sue imperfezioni, con le sue lunghe attese e le sue rapide ripartenze, ma pure con la sua impareggiabile bellezza. Da quell’edizione la colossale “Omaggio alla memoria dei vecchi musicanti” cominciò una graduale escalation e venne inserita nei libretti musicali di molteplici corpi bandistici che la proposero con assiduità negli anni successivi. L’autore avrebbe sperato certamente che la sua creatura potesse avere un destino diverso, soprattutto un più concreto compiacimento presso la categoria dei Metallurgici, ma i consoli rimasero del tutto indifferenti davanti a quel componimento funebre tranne Massimiliano Galuppo che fu il solo a spendere parole di encomio definendolo un vero capolavoro. Silvio Barbara non si diede per vinto e dopo poco tempo compose “L’Arresto”, marcia che dedicò al gruppo statuario in cui si identificava e per il quale suonava. Anche questa volta, nonostante il titolo, i consoli non adottarono il brano annientando le aspettative dell’autore che non venne acclamato né valorizzato dalla maestranza per come invece avrebbe meritato. Nemo propheta in patria!

Booking.com

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.